Trading CFD, caratteristiche, opinioni e link utili
By: Date: Giugno 17, 2020 Categories: Trading CFD

Come svolgere il trading CFD

Chi si vuole avvicinare al trading online, è bene che sappia cosa sono i CFD e come utilizzarli, inoltre vedremo nel corso dell’articolo come svolgere il trading CFD.

Il trading online si basa sui CFD, qualsiasi prodotto o Asset viene contrattato dai CFD, che sono dei prodotti finanziari in auge da parecchi anni.

Con i CFD si possono contrattare, vendere o acquistare un numero di contratti che sono sul mercato. La particolarità dei CFD è che i trader non andranno ad acquistare ad esempio un’azione in forma fisica, ma vi speculano sul prezzo, sia se questo salga oppure scenda.

Le caratteristiche dei CFD

I CFD hanno delle caratteristiche molto interessanti, e sono le seguenti:

  • Posizioni short e long;
  • Leva finanziaria;
  • Margine;
  • Hedging.

Posizioni Short e Long

Il trading CFD permette di operare ed investire sui mercati, che siano rialzisti oppure ribassisti, aprendo posizioni inerenti.

Il trader potrà aprire delle posizioni sia al ribasso che al rialzo e di conseguenza trarre profitto in entrambe le situazioni.

La Leva finanziaria

La Leva finanziaria è la base dei CFD, in quanto questi prodotti finanziari offrono un’elevata esposizione sul mercato, anche a fronte di un capitale ben più modesto.

La Leva è uno strumento che aiuta i trader a trarre profitti maggiori, ma non solo, perché anche le perdite possono essere maggiorate, ecco perché il trader deve utilizzare per la sua sicurezza finanziaria, gli strumenti come lo Stop Loss e il Take profit.

Il Margine

Fare trading online con i prodotti a Leva molte volte viene inteso come fare trading con margine.

Nel trading CFD esistono due tipi di margine:

  • Il margine iniziale;
  • Margine di mantenimento.

Il margine iniziale è anche detto margine di deposito, che è la somma richiesta per aprire una posizione.

Il margine di mantenimento invece è il versamento aggiuntivo che potrebbe essere richiesto in un secondo momento.

Come e cos’è l’Hedging

L’Hedging può essere tradotto come copertura del rischio, ovvero una strategia che è volta alla tutela di un determinato investimento.

Come funzionano i CFD

Ora che abbiamo chiarito le principali caratteristiche dei CFD, vediamo realmente come funzionano.

Per utilizzare i CFD ci si dovrà iscrivere ad un broker di trading che ci permetta di contrattare sui mercati tramite questi prodotti, i CFD hanno alcune

Particolarità, vediamole insieme.

Lo Spread e le Commissioni

I CFD hanno due tipi di prezzo, sia quello d’acquisto che quello di vendita.

  • Il prezzo d’acquisto o meglio detto sell: Questo è il prezzo in cui è possibile aprire una posizione in short;
  • Il prezzo di vendita o anche detto buy: Questo è il prezzo in cui è possibile aprire una posizione long.

Le commissioni sono a discrezione di ogni broker, ma fare trading CFD ha dei costi molto bassi ed irrisori.

Il numero dei contratti

I CFD vengono scambiati in contratti Standard o anche detti Lotti, invece la Size è un singolo contratto, il valore dello stesso varia in base al valore dell’Asset. Queste caratteristiche rendono il trading CFD molto simile allo scambio tradizionale.

La durata di un contratto CFD

La durata dell’operazione con i CFD non hanno una specifica durata di scadenza. Le posizioni dei CFD vengono chiuse solo quando il trader pone uno stop.

Il trader se lo ritiene opportuno può tenere aperta una posizione anche per mesi.

Profitti e perdite

Per calcolare i profitti e le perdite nelle contrattazioni con i CFD è necessario moltiplicare il numero dei contratti per il valore di ogni singolo contratto.

Una volta avuto il risultato, verrà moltiplicato per la differenza di punti tra il prezzo di apertura e chiusura.

Per avere una situazione più nitida è bene sottrarre tutti quei costi aggiuntiva, come le commissioni addebitate.

I Broker di trading CFD

Per fare trading CFD come abbiamo accennato è fondamentale iscriversi ad un broker di trading CFD, che ci dia la possibilità di contrattare con questi prodotti sui vari Asset.

Nella scelta del broker ci sono dei passaggi fondamentali vediamoli insieme:

  1. Il broker deve essere certificato dalla CySEC e dalla CONSOB per poter operare nel mercato italiano ed europeo, se non visualizzate queste due certificazione non proseguite nell’iscrizione;
  2. Valutate la possibilità di accedere in primis tramite il conto demo, un conto prova gratuito;
  3. Valutare i vari tassi e commissioni che il broker pone;
  4. Un buon broker ha una valida sezione formazione, che vi servirà per apprendere delle nozioni importanti di trading online.

Questi sono alcuni punti importanti per procedere nella scelta del broker.

Il conto Demo

Il conto di trading online Demo è la migliore opportunità che potete avere per imparare a fare trading e conoscere alla perfezione i CFD.

I broker di CFD hanno quasi tutti il conto demo, alcuni sono a tempo illimitato altri no, inoltre il broker vi accredito dei soldi virtuali da poter utilizzare per le vostre contrattazioni.